E.W. Smith / W.G. Sebald=?, una lettura, anzi due, facciamo tre.

0
E.W. Smith / W.G. Sebald=?, una lettura, anzi due, facciamo tre.
di Giorgio Specioso

Ho la convinzione che Gianluigi Ricuperati sia stato molto colpito dal progetto Bcomeblog. Se così non fosse, come spiegare la generosità del suo scritto?E.W. Smith / W.G. Sebald=? (E.W. Smith diviso W.G. Sebald uguale non so) è un testo che premia la rilettura: più ci si torna sopra più si scoprono nuovi significati.
Il primo livello di lettura è quello proprio del racconto. In un percorso a ritroso, Ricuperati narra in prima persona il processo che l'ha portato all'intuizione di una critica per immagini: "Sarebbe formidabile se la critica letteraria e artistica (e la critica in genere) prendesse la forma di immagini: sequenze di immagini senza pari, capaci di indagare gli oggetti fatti di parole senza usare una parola".
Ma c'è dell'altro. Il testo è anche una riflessione sul ruolo del lettore, che ci viene presentato al suo meglio. Ricuperati, che nei primi anni del nuovo millennio recensiva e segnalava le nuove uscite letterarie per un settimanale, ci racconta di aver ricevuto le bozze dell'edizione italiana di Austerlitz, romanzo del tedesco W.G. Sebald. Ricuperati è un lettore curioso e così, pur trovando fenomenale il romanzo, se ne appropria allo scopo di fonderlo con le immagini di Pittsburgh Project, lavoro fotografico di E.W.Smith. L'operazione è affascinante: come non appassionarsi a un lettore che infrange la sacralità del testo per sperimentarvi sopra? Mi è quasi possibile vedere Ricuperati incitare il lettore alla rivolta: "Distruggi il segnalibro, spezza il righello che usi per sottolineare senza sbavature i passaggi che più ti hanno colpito e sfida il romanzo sul suo terreno, quello della creatività!". A questo punto, sarà possibile passare a un terzo livello di significato, che si annida nella forma che Ricuperati dà allo spirito battagliero della lettura precedente. In un'ellissi evidente, il racconto si apre con il sottotitolo "Un progetto non realizzato di indagine sulla relazione instabile tra parole e immagini" che fa da premessa all'explicit "Sarebbe così bello se uno di voi, cinque lettori, prendesse anche solo una di queste idee sul serio - e realizzasse almeno una delle cose che ho solo marginalmente iniziato a pensare". Ecco allora E.W. Smith / W.G. Sebald=? travestirsi da workshop e invitare il lettore a realizzare un’Opera dove testo e immagini possano mescolarsi in "un inimitabile impasto".



Scarica gratuitamente il pdf.




commenti

ci sono 0 commenti per questa news

Scrivi

I commenti offensivi verranno automaticamente rimossi
Il testo del tuo
commento
Nome / nickname
Indirizzo email
( non verrà pubblicato )
Il tuo sito