Le nature "morte" di Csilla Klenyanszki

0
Le nature "morte" di Csilla Klenyanszki
di Marianna Frattarelli

Nelle nature morte della fotografa ungherese Csilla Klenyanszki, l’oggetto tratto dalla quotidianità svela il suo lato surreale e tradisce una natura che non è morta. Le immagini non sono mai composizioni statiche, alla Giorgio Morandi per intenderci, ma vivono la tensione del momento che precede la deflagrazione chiassosa e scomposta dell’equilibrio: i tre bicchieri, uno sopra l'altro, stanno per lasciarsi andare a una liberatoria caduta; l’installazione che si regge sulla punta delle forbici, appoggiate a sua volta sul piano inclinato, sta per sfasciarsi sotto il peso della bellezza del ramo di crisantemo.





Se il debito verso il surrealismo è dichiarato dalla stessa fotografa – nella serie The room è comunque evidente il richiamo ai collage surrealisti – in alcune immagini (vedi sotto) l’uso dell’oggetto cita le One Minute Sculptures di Erwin Wurm. Ma l’equilibro, si sa, non è tanto difficile raggiungerlo quanto mantenerlo, anche solo per un minuto (!) Per questo Csilla intitola questo lavoro Good luck, ci vuole fortuna.





The room
All images © Csilla Klenyánszki 

commenti

ci sono 0 commenti per questa news

Scrivi

I commenti offensivi verranno automaticamente rimossi
Il testo del tuo
commento
Nome / nickname
Indirizzo email
( non verrà pubblicato )
Il tuo sito