Un libro di cucina surreale: Les Diners de Gala

0
Un libro di cucina surreale: Les Diners de Gala
di redazione

Se le cene di gala si apparecchiano facendo sfoggio di eleganza e opulenza, anche Les Diners de Gala richiede la stessa suntuosità. Il maestro del surrealismo Salvador Dalí intitolava così, giocando con la parola Gala, nome della moglie, il suo ricettario riccamente illustrato e con copertina dorata che trasuda lusso e lussuria. Non a caso tra i dodici capitoli, ognuno dei quali dedicato a una specifica varietà di cibi e portate, spicca il tema dei cibi afrodisiaci: Les "je mange GALA".
Nel libro, e a precisarlo è lo stesso autore, precetti e illustrazioni sono dedicati ai piaceri del gusto per cui niente tabelle e grafici conta calorie, che trasformano la gastronomia in chimica e le gioie del mangiare in punizioni. Nella ricetta barocca e surreale del CRAYFISH CONSOMMÉ si combinano gamberi e vitello per un brodo molto saporito condito con il sale, un pizzico di pepe di Caienna, la paprica e lo zafferano, il riso. Filtrato il tutto, aggiungere i tuorli a cucinare: il consommé è pronto da servire con crostini all'aglio.

 

Pubblicato nel 1973 in tiratura limita, forse quattrocento copie, Les Diners de Gala è diventato un oggetto da collezione il cui valore per le copie autografate può arrivare a tremila dollari.



 

commenti

ci sono 0 commenti per questa news

Scrivi

I commenti offensivi verranno automaticamente rimossi
Il testo del tuo
commento
Nome / nickname
Indirizzo email
( non verrà pubblicato )
Il tuo sito