Moving up con lo Studio Hato

0
Moving up con lo Studio Hato
di Marianna Frattarelli

Non ne ho ricordo e infatti pare che l'età tra i sei e sette anni sia emotivamente difficile da gestire per via del delicato passaggio dalle scuole primarie alle secondarie. Personalmente amavo andare a scuola, e dai racconti viene fuori che ero una bambina mediamente timida e con un amico immaginario. Sarà per questo che non ho il ricordo di me a sei anni, l’ho rimosso.

 

Lo Studio Hato e la londinese Serpentine hanno messo a fuoco questa transizione per convertirla in un'oppurtunità di miglioramento. I due soggetti hanno elaborato Moving Up, un progetto che vuole aiutare il bambino a esprimere i propri sentimenti e al contempo aiutare gli insegnanti a interpretarli. Si tratta di una semplice interfaccia reperibile all’indirizzo movingup.serpentinegalleries.org, dove le bellissime illustrazioni di Mak Ying Ping invitano l’utente a una serie di attività: disegnare un personaggio che lo rappresenti, dargli l’espressione del viso e poi quella del corpo attraverso la danza, costruendo una sequenza di movimenti sulle note di Stella Chung. 




 

A proposito di
Studio Hato è uno studio di design londinese, all’appello: Ken Kirton, Jackson Lam, Mélanie Dautreppe-Liermann, Jason Chow. Dal 2010, lo studio ha prodotto libri, riviste, mostre, vestiti, siti web, arredi e tante altre cose in mezzo. Se visitate il loro sito alla voce Workshops & Education vedrete che non sono nuovi nell’ambito dell’educational con prestigiose collaborazioni: oltre la Serpentine, hanno collaborato con la Withechapelle e la Tate Modern.

commenti

ci sono 0 commenti per questa news

Scrivi

I commenti offensivi verranno automaticamente rimossi
Il testo del tuo
commento
Nome / nickname
Indirizzo email
( non verrà pubblicato )
Il tuo sito