L'Odradek
di Paride Petrei

foto


video

gratis

Emblematico, fra i ready-made di Marcel Duchamp, è Con rumore segreto (1916): un gomitolo di spago racchiuso fra due lastre di rame per mezzo di viti ai quattro angoli. All'interno del gomitolo un oggetto misterioso, scelto dall'amico collezionista Walter Arensberg, unico a conoscere la natura dell'oggetto nascosto. Scuotendo si genera un rumore, unica traccia per coloro che tenteranno di riconoscerlo; un rumore segreto come i passi dell'odradek di Kafka o come le "lacrime alcaline" de L'Odradek di Paride Petrei, making-art project realizzato dall'artista per Bcomeblog.

Prendendo le mosse dal ready-made duchampiano e unendo materiali utilizzati da Joseph Beuys - quale il feltro - e propri dell'arte povera, Petrei suggerisce differenti modi di fruizione dell'opera - visione, movimento, rumore - ed invita a non imitare più la natura ma il modo in cui questa opera. A detta dell'artista stesso, infatti, l'uomo, operando come una forza naturale, compie un gesto di ri-creazione utilizzando come elementi di partenza le sue cognizioni culturali, a ribadire ancora una volta che l'umanità tutta si sviluppa dalla natura, e che di conseguenza la tecnologia, se intesa come elaborazione umana, è essa stessa un'espressione naturale. Un'energia naturale insita nell'opera stessa che conferisce al razionalismo geometrico de L'Odradek di Petrei il suo carattere umano.